Sentenza per la morte di Vincenzo Noto alla miniera Italkali di Realmonte

 Realmonte ore 9:30, riceviamo e pubblichiamo. Dopo diverse ore di camera di consiglio, questo pomeriggio il Tribunale Monocratico di Agrigento, in persona del Giudice Ottavio Mosti, ha pronunciato sentenza di condanna nei confronti Schembri Calogero  (direttore della Miniera di Sale di Realmonte, gestita dalla ITALKALI s.p.a., Società Italiana Sali Alcalini);  e di Iacono Stefano Giuseppe,  (Sorvegliante della Miniera), condannati rispettivamente ad un anno e a sei mesi di reclusione. Il Giudicante ha, pertanto, condannato i predetti imputati al risarcimento del danno in favore della parte civile costituita Romina Alaimo, vedova del defunto Noto Vincenzo, rappresentata e difesa dall’avv. Vincenza Gaziano. Si giunge, con questa pronuncia, all’epilogo della tragica vicenda che ha visto come sfortunato protagonista il giovane operaio Vincenzo Noto. Dopo la prima sentenza di condanna pronunciata nel 2009 del responsabile della Cooperativa per la quale il Noto prestava servizio, accogliendo  le richieste avanzate dalla Procura e dal difensore della parte civile, è stata disposta la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica contro gli odierni imputati, oggi condannati. Il tribunale ha assolto IANNELLO Angelo, capo servizio del sottosuolo e di responsabile della Sicurezza della Miniera di Sale di Realmonte, gestita dalla ITALKALI s.p.a.

Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi

I NOSTRI GIORNALI:


 

CRONACA          POLITICA          SPORT         CULTURA          SPETTACOLO          RUBRICHE           EDITORIALI           PUBBLICITA'         CONTATTI


Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di agrigentocronaca.net  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.wikio.it