Demolizioni: Parla l’impresario Giuseppe Capobianco: noi lasciati soli

AGRIGENTO – “Siamo stati lasciati da soli, nessuno ci ha tutelato. Eppure dovevano prevederlo che saremmo stati presi di mira ed aggrediti”. E’ dura la reazione di Giuseppe Capobianco, titolare dell’omonima impresa edile e stradale, con sede a Palma di Montechiaro, che si è aggiudicata l’appalto per la demolizione delle case e dei manufatti abusivi nel cuore della zona archeologica di Agrigento, con vincolo di inedificabilità assoluta. E mentre le volte precedenti (ricordiamo che prima di ieri erano stati soltanto due gli interventi dell’impresa, perché in altri due casi avevano provveduto gli stessi proprietari ad abbattere le costruzioni abusive), tutto era filato liscio, ieri era prevedibile che qualcosa sarebbe andata storta. Infatti si trattava di abbattere una villetta, abitata d’estate e d’inverno da un nucleo familiare di 5 persone, che adesso sono senza un tetto. “Appena i miei operai sono arrivati a Maddalusa – racconta l’impresario palmese – si attendevano la presenza delle forze dell’ordine a garantire la loro tutela. Ma mentre i poliziotti ed i carabinieri erano all’interno dell’abitazione, per farla sgomberare, il mio dipendente addetto alla ruspa, si è visto aggredire dalla folla che si era radunata nell’atrio  per protestare contro la demolizione. Addirittura gli hanno rubato le chiavi del mezzo e gli hanno tirato contro delle pietre. Tanto che il mio operaio si è sentito male. A questo punto mi ha chiamato ed io mi sono precipitato sul posto, con il duplicato delle chiavi della ruspa. Appena arrivato ho trovato una situazione indescrivibile e con i miei dipendenti eravamo sul punto di abbandonare tutto ed andarcene. Nel frattempo mi hanno chiamato dalla Prefettura – aggiunge Giuseppe Capobianco – e si sono scusati per quanto accaduto, dicendomi che una cosa simile non si verificherà in futuro. Solo a questo punto mi sono convinto a restare ed alle 14 in punto abbiamo iniziato l’opera di demolizione. Se accadrà in futuro – conclude Capobianco -abbandonerò immediatamente l’appalto”.

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

I NOSTRI GIORNALI:


 

CRONACA          POLITICA          SPORT         CULTURA          SPETTACOLO          RUBRICHE           EDITORIALI           PUBBLICITA'         CONTATTI


Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di agrigentocronaca.net  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.wikio.it